8 luglio 2010

Spagna in finale: Paul il polpo lo aveva pronosticato

Incredibile quello che sta succedendo con i pronostici di questo mondiale 2010. La Spagna batte la Germania in semifinale e vola in finale grazie a un goal di Puyol. La cosa non sorprende affatto i tifosi che in giornata si erano rivolti fiduciosi all’oracolo. Di chi stiamo parlando? Ma del fantastico polpo Paul che non sbaglia un solo risultato. Per chi non lo conoscesse Paul è un polpo capace di azzeccare la squadra che vince la partita. Come fa? E’ davvero semplice: vengono messe nel suo acquario due urne ognuna delle quali ha dentro un mollusco. Su ogni urna c’è la bandiera delle squadre che si sfidano. Paul apre l’urna e mangia il mollusco: sarà quella la squadra a vincere.

E infatti il mitico polpo non ha sbagliato neppure sul pronostico di Germania- Spagna anzi a dirla tutta in questo mondiale 2010 sulle grandi sfide non si è mai sbagliato. I tifosi tedeschi ieri avevano sperato che questa volta il polpo si potesse sbagliare perchè ci tenevano davvero tanto ad arrivare in finale. In fondo la Germania quest’anno avrebbe potuto davvero aspirare a vincere la coppa del mondo e invece deve accontentarsi di un quarto o di un terzo posto. I campioni d’Europa in carica invece punteranno a trionfare in questo modiale sudafricano. Non sarebbe male mettere in bacheca una coppa del mondo dopo aver già vinto nel 2008 un europeo.

Saranno contenti quindi i tifosi spagnoli che oltre a ringraziare Puyol per il goal che ha regalato il pasaggio in finale ringrazieranno il polpo. Ovviamente lo andranno a consultare anche per conoscere il suo pronostico sulla finale di domenica 11 luglio. Spagna- Olanda queste saranno le due squadre che si contenderanno la vittoria finale. La coppa del mondo dopo il trionfo dell’Italia nel 2006 resta quindi di certo nel nostro continente. Sarà infatti una squadra europea a portarsi a casa il titolo.

Aspettiamo con ansia di sapere cosa dirà il nostro oracolo: Spagna o Olanda? Solo il polpo Paul conosce la verità!


Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo contributo